Quattro Fontane. Fontana dell'Arno
Via 4 Fontane

No photo available in archive.
  • Area: Rione XVIII Castro Pretorio
  • Info:
    Si trovano negli angoli smussati dei quattro edifici esistenti all'incrocio di Via delle Quattro Fontane con Via XX Settembre.
    Furono volute da papa Sisto V Peretti, ad ornamento del quadrivio (punto d'incrocio dell'allora strada Pia con la strada Felice, fatta costruire dallo stesso pontefice su progetto dell'architetto Domenico Fontana), dal quale si potevano e si possono tuttora scorgere, contemporaneamente, la michelangiolesca facciata interna di porta Pia, i tre obelischi "sistini" dell'Esquilino, del Pincio e del Quirinale e, appunto, la strada Felice, cioè il rettifilo S. Maria Maggiore-Trinità dei Monti, uno dei vanti del papa marchigiano.
    Ciascuna fontana è contenuta in una nicchia, di forma rettangolare e di dimensione diversa, scavata negli spigoli appiattiti degli edifici del quadrivio.
    Le fontane hanno la caratteristica comune delle vasche semicircolari di marmo alla base; ognuna di esse è sormontata da una statua giacente, più grande del naturale, con sfondi scenografici ed ornamenti vegetali, tra i cui anfratti scorrono rivoli di acqua che si versano nella vasca.
    Due fontane rappresentano altrettanti fiumi: allangolo di palazzo Del Drago, su uno sfondo di canne fluviali è raffigurato l'Arno, con capigliatura riccioluta, affiancato da un leone, emblema araldico di Firenze; di fronte, all'angolo della chiesa di S. Carlino, su un fondale stalattitico con al centro il fusto di un albero, è rappresentato il Tevere (con l'immancabile lupa, simbolo di Roma), con folta capigliatura fluente in atto di sostenere una cornucopia piena di frutta.
    Si tratta di opere di scarso valore artistico, probabilmente disegnate da un buon architetto ma eseguite da mediocri artisti, e realizzate, tra il 1588 e il 1590, su blocchi di travertino provenienti, sembra, dal Settizonio, il famoso edificio a sette ordini di arcate fatto costruire da Settimio Severo alle pendici del Palatino e demolito da Domenico Fontana per rifornire le fabbriche di Sisto V.
  • Location in the map